LA VERA BELLEZZA

NASCE DA UN PERCORSO INTERIORE

DOVE UN INTERVENTO SUL PROPRIO CORPO

RAPPRESENTA SOLO UNA TAPPA

ESSERE

O SENTIRSI BELLI

NON E' AFFATTO

LA STESSA COSA

Lifting cosce

L'intervento sarà eseguito in anestesia generale.
Le incisioni cutanee produrranno delle cicatrici localizzate in corrispondenza della faccia interna della coscia e saranno estese anteriormente verso l'inguine e posteriormente verso il solco gluteo.
Se necessario verrà associata una liposuzione dell'interno cosce per rendere il risultato più omogeneo.
Se necessario al termine dell'intervento verranno inseriti dei piccoli drenaggi (tubicini di gomma) che drenano il sangue limitando il rischio di formazione di ematomi e sieromi. I drenaggi vengono sfilati nei giorni seguenti.

COSA ASPETTARSI DOPO L'INTERVENTO

Sono necessari uno o più giorni di degenza. Dopo la dimissione andranno evitati tutti i movimenti che coinvolgono l'abduzione delle cosce. I punti si asportano dopo una settimana/10 gg. Il gonfiore inizialmente presente si risolve in circa un mese. La cicatrice nelle prime settimane dopo l'intervento tende ad arrossarsi e ad indurirsi. E' necessario perciò massaggiarla per ammorbidirla. Dopo qualche mese, se opportunamente trattata, si schiarisce e diventa meno visibile.
A causa di fattori individuali non è possibile ottenere in ogni individuo lo stesso risultato. Talvolta è necessario effettuare dei ritocchi.

POSSIBILI COMPLICANZE

Le complicanze possibili includono:

  • reazioni all'anestesia, gonfiore persistente, ematomi aggravati dall'uso di farmaci anticoagulanti, (pertanto il/la paziente è stato invitato/a a non assumere farmaci che alterano la coagulazione del sangue quali l'acido acetilsalicilico - Aspirina, Cemirit, ecc.-);
  • iperpigmentazione e cattiva qualità delle cicatrici , rischio dovuto oltre che ad una predisposizione individuale anche all'esposizione al sole (i pazienti sono avvisati di non esporsi al sole o a lampade abbronzanti per mesi dopo un intervento chirurgico) ed aggravato nei fumatori (i pazienti sono avvisati di sospendere o ridurre sensibilmente il fumo almeno 15 giorni prima dell'intervento chirurgico);
  • cheloidi, sieroma (raccolta di siero che potrebbe richiedere aspirazioni ripetute fino al suo completo assorbimento), infezione, alterazioni della sensibilità cutanea, sofferenza cutanea fino alla necrosi cutanea. Il rischio di tali necrosi cutanee è maggiore nei fumatori.

Utilizziamo cookies per migliorare il nostro sito web per svolgere delle operazioni essenziali al funzionamento. Consulta la nostra Privacy Policy

Accetto cookies da questo sito.